Home » Esami di Stato 2015/16

Esami di Stato 2015/16

Documento di sintesi per lo svolgimento dell’esame di Stato conclusivo dei percorsi di istruzione degli adulti di primo livello – primo periodo didattico.

 In attesa della emanazione dei decreti interministeriali MIUR/MEF per la definizione delle commissioni, come previsto dall’articolo 6 del Regolamento (DPR 263/12), la Direzione generale per gli ordinamenti con la nota n. 207 del 13 gennaio 2016 ha confermato quanto disposto per l’anno scolastico precedente con la CM 48 del 4 novembre 2014. Quest’ultima ha come riferimento la circolare n.48 (per puro caso i numeri delle due circolari coincidono) del 31 maggio 2012 che ha dato istruzioni a carattere permanente per lo svolgimento dell’Esame di Stato relativo al termine del primo ciclo di istruzione.

INDICAZIONI OPERATIVE

Il Consiglio di classe, composto da tutti i docenti del gruppo di primo livello, è presieduto dal dirigente scolastico che garantisce l’uniformità dei giudizi sia all’interno del gruppo di livello che a livello di tutto il CPIA.

I docenti del consiglio di classe hanno compiti e responsabilità ben definite. Essi dovranno:

-accertare lo svolgimento del percorso scolastico personalizzato definito nel Patto Formativo Individuale;

-disporre l’ammissione per i candidati che abbiano raggiunto il livello base nei quattro assi culturali attribuendo a ciascuno una valutazione che, sulla base dei criteri stabiliti dal collegio dei docenti, sarà espressa in decimi secondo la tabella di corrispondenza indicata:

  • livello base=6
  • livello intermedio= 7/8
  • livello avanzato= 9/10.

E’bene ricordare che la valutazione delle competenze per ciascuno degli assi culturali deve tener conto anche di quelle per le quali nel Patto Formativo Individale sia stato stabilito l’esonero della frequenza del relativo monte ore.

-verbalizzare gli esiti degli scrutini e pubblicarli nelle sedi del CPIA e  all’albo on line.

Il voto di ammissione deve essere indicato in decimi mentre la valutazione negativa e la conseguente non ammissione sarà espressa senza votazione numerica.

la Commissione

La commissione d’esame è costituita in ogni sede e si compone, d’ufficio, di tutti i docenti del primo livello – primo periodo didattico. Per i docenti la partecipazione a tutte le attività d’esame costituisce obbligo di servizio.

Il Presidente è nominato dal dirigente dell’ambito territoriale di competenza e individuato, preferibilmente, tra i dirigenti scolastici che abbiano esperienza nell’istruzione degli adulti, come indicato dalla CM 48/14.

Definizione delle prove d’esame

Nella riunione preliminare sarà scelta la tipologia delle prove d’esame privilegiando quella più coerente con il percorso di studio personalizzato del candidato adulto e più idonea ad un accertamento delle competenze chiave per l’apprendimento permanente come declinate nei risultati di apprendimento dei percorsi di primo livello.

Il DPR 263/12 indica che le prove, deliberate dalle commissioni d’esame, consistano in:

-tre prove scritte, di cui la prima in italiano riguardante i risultati di apprendimento relativi all’asse dei linguaggi ovvero all’asse storico-sociale; la seconda in una delle lingue straniere indicate nel Patto formativo individuale; la terza riguardante i risultati di apprendimento relativi all’asse matematico;

-un colloquio pluridisciplinare teso ad accertare le competenze relative ai risultati di apprendimento attesi in esito al percorso,tenuto conto del Patto formativo individuale, in modo da valorizzare le competenze comunque acquisite nei contesti formali, non formali ed informali.

Il voto finale dell’esame del primo livello primo periodo è costituito dalla media artimetica del voto di ammissione, dei voti delle tre prove scritte e di quello del colloquio.

A conclusione del percorso, il CPIA rilascia il diploma di licenza maedia e la certificazione delle competenze per la quale la CM 48/14 fornisce un modello che i CPIA nella loro autonomia potranno valutare di adottare.

I risultati di apprendimento

Al termine del percorso di primo livello primo periodo le Linee guida (Decreto Interministeriale MIUR/MEF del 12 marzo 2015) indicano i risultati nei quattro assi in riferimento al livello 2 del Quadro europeo delle qualifiche per l’apprendimento permanente (EQF). Ricordiamo che la Conferenza Unificata ha sancito l’Intesa del 20 dicembre 2012 attraverso la quale è stato raggiunto l’accordo sulla referenziazione del sistema italiano delle qualificazioni all’EQF. Ciò significa che Il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, il Ministero dell’istruzione, dell’università e della ricerca, le Regioni e le Province autonome  hanno sancito un Accordo che adotta il primo “Rapporto nazionale di referenziazione al Quadro Europeo delle Qualificazioni (EQF)” (Allegato A all’Accordo) e che prevede la referenziazione dei titoli del sistema educativo pubblico italiano agli otto livelli del Quadro Europeo delle qualificazioni per l’apprendimento permanente, secondo un prospetto riportato nel “Quadro sinottico di referenziazione” (Allegato B all’Accordo).

L’allegato A1 della CM 48/14 indica ventidue competenze per i quattro assi. Le competenze nella prima lingua comunitaria sono riconducibili al livello A2 del Quadro comune europeo di riferimento per la conoscenza delle lingue (QCER), quelle nella seconda lingua al livello A1.

Per quanto riguarda il livello raggiunto nelle competenze di ciascun asse, la CM 48/14 indica tre livelli:

base: svolge compiti semplici in situazioni note, mostrando di possedere conoscenze e abilità essenziali e di sapere applicare regole e procedure fondamentali;

intermedio: svolge compiti e risolve problemi complessi in situaizoni note, compie scelte consapevoli, mostrando di saper utilizzare le conoscneze e le abilità acquisite;

livello avanzato: svolge compiti e problemi complessi in situazioni anche non note, mostrando padronanza nell’uso delle conoscneze e delle abilità. Sa proporre e sostenere le proprie opinioni e assumere autonomamente decisioni consapevoli.

CM-48-del-4-nov-2014-Esame-stato-adulti-primo-livello

pon
pon
miur
protocollo_miur_giustizia
link_utili
link_utili
link_utili
facebook
facebook

Articoli